Domani, venerdì 3 marzo, alle ore 11.00 a Monte di Procida nella sala consiliare “Ludovico Quandel” si sancirà l’adesione del Comune alla campagna “Posto Occupato”. I cittadini sono invitati a partecipare. Il gesto simbolico di tenere occupato un posto nella sala consiliare, per ricordare tutte le donne vittime della violenza di genere, esprime la volontà di non dimenticare mai quanto può essere crudele la violenza.

Un problema culturale che la collettività deve combattere. Ciascuna di queste donne, vittime di violenza, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto. A teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Questo posto vogliamo riservarlo a loro, affinché la quotidianità non lo sommerga. Così il comune di Monte di Procida prendere parte a “Posto Occupato”, la campagna virale di sensibilizzazione per riempire le coscienze di consapevolezza. 

Posto OccupatoUn posto lasciato “vuoto” per riempire le coscienze di consapevolezza: la violenza sulle donne è un problema culturale ed una responsabilità sociale, che riguarda tutti! Partita nel 2013 da Rometta, piccolo comune in provincia di Messina, su iniziativa di Maria Andaloro, Posto Occupato è una campagna virale, gratuita, che ha l’obiettivo di mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sul fenomeno della violenza di genere. Non si contano le donne che ogni giorno subiscono violenza fisica e psicologica, ma anche economica, sessuale e religiosa; tante quelle perseguitate; troppe quelle assassinate. 

Leggiamo le loro storie nelle pagine di cronaca e soffriamo, ci indigniamo, ma poi dimentichiamo. Forse perché, in fondo, sono storie di donne lontane da noi. Ma se la prossima che leggiamo fosse la storia della nostra vicina di casa, della nostra compagna di scuola, di nostra sorella, nostra madre o noi stesse? Ogni anima violata, ogni donna abusata, ogni vita spezzata non è mai “lontana” da noi. Prendiamo quella indignazione collettiva e trasformiamola in azione concreta: occupiamo un posto a teatro, al cinema, all’università, in un parco ed ovunque si possa. Quel posto sarà riservato per sempre ad una donna che avrebbe voluto, potuto e dovuto essere lì: sarà un segno, un monito silenzioso, voce per chi non ha più voce, che suggerisce a tutti di NON sottovalutare MAI i segnali della violenza e non voltarsi mai dall’altra parte. 

L’articolo MONTE DI PROCIDA| Il Comune dice si a “Posto Occupato”, la campagna contro la violenza sulle donne proviene da Pozzuoli News 24.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Condividi su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close Search Window